nicola sensale5
nicola sensale5

INFORMAZIONI:

INFORMAZIONI:

Goditi il ​​silenzio - di Alan Mackie

22-09-2022 15:55

Alan Mackie

ASCOLTO ATTIVO E COUNSELING,

Goditi il ​​silenzio - di Alan Mackie

Un interessante contributo di Alan Mackie, sui benefici dell'ascolto attivo, una pratica di comunicazione "democratica" sviluppata da Carl Rogers.

 

 

 

 

 

 

 

Ascoltiamo tutto il tempo o forse è più preciso dire che “sentiamo” tutto il tempo.

Ascoltiamo o ascoltiamo per ottenere informazioni, comprendere idee, apprendere quello che c’è da apprendere nelle nostre interazioni quotidiane con chi ci circonda. 

 

Diamo per scontato pensare che stiamo ascoltando, ma spesso in realtà stiamo solo ascoltando ciò che vogliamo sentire.

 

Qui vorrei offrire una lezione sul ruolo dell'ascolto e del dialogo nell'incontro educativo. Più leggo sull'ascolto attivo, più mi convinco che queste abilità siano estremamente utili per le interviste qualitative e così è stato dimostrato, almeno finora. 

adobestock_282990957.jpeg

 

 

Kathryn Robertson definisce l'ascolto attivo: 

 

“Significa prestare la propria totale e indivisa attenzione all'altra persona e dire all'altro che siamo interessati e “preoccupati” allo stesso tempo. L'ascolto è un lavoro difficile che non intraprenderemo se non avremo profondo rispetto e cura per l'altro ... ascoltiamo non solo con le nostre orecchie, ma con i nostri occhi, mente, cuore e immaginazione ... ascoltiamo le parole dell'altro, ma anche i messaggi sepolti nelle parole. Ascoltiamo la voce, l'apparenza e il linguaggio del corpo dell'altro ... semplicemente cerchiamo di assorbire tutto ciò che l'oratore sta dicendo verbalmente e non verbalmente senza aggiungere, sottrarre o modificare ". 

 
adobestock_440940425.jpeg

L'ascolto attivo è un termine sviluppato dal terapeuta e psicologo americano centrato sulla persona Carl Rogers, che ha affermato: "... l'ascolto attivo è estremamente raro nelle nostre vite. Pensiamo di ascoltare, ma molto raramente ascoltiamo con vera comprensione, vera empatia". Come partecipanti attivi in un colloquio qualitativo dobbiamo superare l'udito distratto e talvolta compiacente che ci capita di praticare nella nostra vita quotidiana e imparare ad essere ascoltatori attivi.

Sembra facile, vero? Il punto qui è che l'ascolto attivo va oltre ciò che ascoltiamo, prestando attenzione agli altri aspetti di ciò che l'oratore sta presentando e cercando di ascoltare in modo non giudicante - semplicemente cercando di capire che cosa sta comunicando l'oratore.


 

Ho messo insieme un elenco di varie cose da fare e non fare per l’ascolto attivo. Penso che questi  siano strumenti eccellenti per qualsiasi ricercatore qualitativo. Come affermato da Robertson, l'ascolto attivo non è facile, ma può essere appreso con la pratica e l'attenzione. 

 

1) Sii nel momento - Cerca di entrare nella mentalità di un ascoltatore e ricorda che sei lì per imparare. Il tuo obiettivo principale è quello di connettersi e comprendere l'intervistato. Non sei lì per interrogarli! Quindi sii presente: cura la stanza per non avere distrazioni, spegni i telefoni. 

 

2) Presta attenzione alle emozioni - Questo può essere particolarmente potente e significa prestare attenzione a qualcosa in più delle parole utilizzate in quanto può essere contenuto nel tono della voce, nel linguaggio del corpo, nel contatto visivo ecc. Questo può essere un modo per mostrare profondo rispetto per il punto di vista dell'altro, ma deve essere gestito con cura.

 

3) "Ascolta" il linguaggio del corpo - gesti chiusi, agitazione, assenza di contatto visivo con te - tutte queste cose e molto altro possono inviare più informazioni delle parole. E prestando attenzione al proprio linguaggio  del corpo  (contatto visivo, inclinazione, apertura etc.) per inviare segnali importanti di interesse e ascolto.

adobestock_267591311.jpeg

4) Stabilisci un contatto visivo - questo è ovvio sì, ma sembrare distratti e altrove non garantisce buon ascolto o rispetto. 

 

5) Sospendi il giudizio - anche se hai forti opinioni su qualsiasi argomento in discussione, sospendi il giudizio ed evita di discutere o esprimere il tuo punto di vista sulle questioni portate.

 

Questo è ovviamente cruciale per l'intervista: non siamo lì per ascoltare la nostra voce ma quella dell'intervistato. Qualsiasi sfida ad argomenti potenzialmente delicati può attendere fino a dopo. 

 

6) Affermazioni verbali e non verbali, cose semplici, come annuire o "ah" o "mmm" - tutti gli spunti che mostrano che stai prestando attenzione, nel momento e dando un senso alle informazioni trasmesse. 

 

7) Rallenta il ritmo. Non accelerare la conversazione. Le persone precipitanti saranno inevitabilmente portate a chiudere.  

8) Il silenzio può essere l’arma significativa del tuo arsenale. Ha dimostrato di essere il caso nel mio lavoro. Quando le persone smettono di parlare brevemente, possiamo sentire la necessità di colmare queste lacune, ma spesso tacere dà alle persone il tempo di pensare ulteriormente e sviluppare idee, argomenti o semplicemente permettere loro di pensare che il tempo continui.

 

Mostra anche che stai fornendo loro il potere di sviluppare la direzione che sta prendendo la conversazione o il dialogo. 

 

9) Mirroring: rifletti le informazioni. Usa la parafrasi: un breve riassunto dei punti chiave dell'altra persona ti aiuterà a confermare la comprensione, oltre a dire loro che stai ascoltando e capendo. La capacità di riflettere può aiutare a creare un rapporto e ad approfondire l'esplorazione.

 

In particolare, riflettere le emozioni è un modo efficace per mostrare rispetto e sviluppare il dialogo. 

 

10) Domande aperte - Michael Hoppe ci dice che 'le domande aperte, di chiarimento e di sondaggio sono  strumenti importanti. Le domande a risposta aperta attirano le persone e le incoraggiano a espandere le loro idee.

 

Ti consentono di scoprire problemi nascosti. Incoraggiano anche le persone a riflettere piuttosto che giustificare o difendere una posizione o cercare di indovinare la risposta "giusta". Non è possibile rispondere a domande aperte con un semplice sì o no.

 

Esempi di domande a risposta aperta includono:

 

“Cosa ne pensi. . . ?” "Cosa ti ha portato a trarre questa conclusione?" "Quello che è successo dopo?" 

 

11) Riassumere: aiuta le persone a vedere i temi chiave. Ciò può aiutarti a chiarire cosa ti sta dicendo l'altra persona. Può anche aiutare a concludere alcuni punti della conversazione se ritieni di aver esaurito un determinato percorso e desideri continuare la discussione. Mostra anche che hai ascoltato e compreso. 

 

12) Zitto! È importante affermare qui che penso che essere un ascoltatore attivo non significa essere completamente  passivi. Come ricercatore qualitativo sei una parte attiva dell'intervista con i tuoi pensieri e le tue sensazioni.

 

Ma l'ascolto attivo è innanzitutto la comprensione dell'intervistato. E come ricercatori, non è per questo che siamo lì - per capire la posizione, l'esperienza e il punto di vista dell'altra persona?

 

Dato che qualcuno è qui perché sta imparando il proprio mestiere, sono desideroso di ascoltare i pensieri e i sentimenti di altre persone su quanto sopra e di imparare qualsiasi consiglio o strategia per il colloquio di ricerca.

 

adobestock_288782610.jpeg

Lascio l'ultima parola a Carl Rogers stesso, che la mette meglio di quanto potessi mai io: 

 

'La prima reazione della maggior parte delle persone quando considera l'ascolto come un possibile metodo per trattare con gli esseri umani è che l'ascolto non può essere sufficiente in sé, poiché è passivo, si sentono inutili, l'ascolto non comunica nulla all'oratore. 

 

In realtà, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Ascoltando costantemente un oratore, stai trasmettendo l'idea che: “sono interessato a te come persona e penso che ciò che affermi sia importante. Rispetto i tuoi pensieri e anche se non sono d'accordo con loro, so che sono validi per te. Sono sicuro che hai un contributo da dare. Non sto cercando di cambiarti o valutarti. Voglio solo capirti. Penso che valga la pena ascoltare, e voglio che tu sappia che sono il tipo di persona con cui puoi parlare ”.

Studio del Dott. Nicola Sensale
Via Borgosesia, 63
10145 Torino
+39  388 94 47 902 centrostudires@gmail.com

Studio del Dott. Nicola Sensale
Via Borgosesia, 63
10145 Torino
+39  388 94 47 902 centrostudires@gmail.com


facebook
instagram

facebook
instagram

Nicola Sensale Psicologo e Psicoterapeuta in Torino

Nicola Sensale Psicologo e Psicoterapeuta in Torino

www.nicolasensalepsicologo.it @ All Right Reserved 2022 | Sito web realizzato da Flazio Experience ​

www.nicolasensalepsicologo.it @ All Right Reserved 2022 | Sito web realizzato da Flazio Experience ​

Contattami su Whatsapp :

adobestock_341149295.jpeg

NEWSLETTER

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Rimani aggiornato su tutte le novità ed i servizi del Dott. Alessandro Norbedo

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder